Il prezzo Bitcoin si consolida mentre i trader contestano la fascia da $18.2K a $19.5K

0 Comments

Bitcoin price ha deciso di prendersi una pausa mentre tori e orsi combattono per prendere il controllo della fascia da 18.200 a 19.500 dollari.

Dopo una corsa impressionante verso un nuovo massimo storico del primo dicembre, il prezzo della Bitcoin (BTC) sembra essere entrato in una breve fase di consolidamento, poiché il prezzo oscilla tra i 18.200 e i 19.500 dollari.

I grafici a 1 e 4 ore mostrano il prezzo che si comprime in una struttura simile a un gagliardetto e si stacca dal Crypto Engine modello che probabilmente vedrebbe il prezzo passare al livello di 19.400 dollari, dove c’è un po‘ più di resistenza.

Una svolta nel gagliardetto suggerirebbe anche che il livello di 19.000 dollari potrebbe ora funzionare come solido supporto e se i tori sono in grado di capovolgere la zona da 19.400 a 19.500 dollari per supportare, allora ci si aspetta un tentativo di superare il nuovo massimo storico.

Come molti analisti hanno sottolineato, i periodi di consolidamento e i ritiri per ritestare il supporto sottostante sono di fondamentale importanza per sostenere la forza di un trend rialzista.

Inoltre, se Bitcoin si trova veramente in un mercato toro, gli investitori vedranno i maggiori e minori ritiri come opportunità di acquisto. Una chiara prova di questo si può vedere nel grafico giornaliero che mostra i trader che acquistano in ogni calo significativo da metà ottobre.

Possiamo anche vedere che lo schema dei minimi giornalieri più alti è intatto anche dopo i più recenti forti rifiuti al livello di 19.000 dollari.

Se il prezzo Bitcoin non riesce a superare i 19.200 dollari o perde il livello di 19.000 dollari, il profilo del volume visibile (VPVR) mostra che c’è un supporto a 18.650 dollari e al di sotto di questo a 17.800 dollari. I 17.800 dollari sono anche allineati alla media mobile a 20 giorni, una metrica che è stata rispettata da quando la tendenza al rialzo è iniziata il 7 ottobre, quando il prezzo Bitcoin è stato scambiato per 10.600 dollari.

Secondo il collaboratore del Cointelegraph Micheal van de Poppe:

„E‘ abbastanza difficile fare un’analisi a questo punto, ma i tempi più alti indicano che c’è una certa iperestensione a questo punto. Se il Bitcoin non si rompe o non chiude oltre i 19 mila dollari, penso che faremo marcia indietro“.
Van de Poppe ha anche suggerito che uno dei tempi settimanali che l’area cruciale da tenere è di 19.000 dollari e sul calendario giornaliero. Ha avvertito che una potenziale divergenza ribassista potrebbe far pensare a un’inversione a breve termine.

E se gli orsi prendessero il controllo?
Nel caso in cui il prezzo Bitcoin prenda una piega ribassista scendendo dall’attuale range e perdendo il supporto di 17.800 dollari al 20-MA, è possibile un ritest del 23,6% di ritracciamento di Fibonacci a 16.100 dollari.

Anche il VPVR sul timeframe giornaliero mostra un interesse intorno ai 15.700 dollari, ma come detto in precedenza, il prezzo ha rispettato il 20-MA dall’inizio di ottobre.

E‘ anche chiaro che gli investitori retail e istituzionali hanno dimostrato un forte interesse nell’acquisto di cali significativi, per cui sembra improbabile che questo trend finisca anche se BTC dovesse perdere l’attuale range.

Le opinioni e le opinioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell’autore e non riflettono necessariamente il punto di vista del Cointelegraph. Ogni investimento e mossa di trading comporta dei rischi. Quando si prende una decisione, è necessario condurre una ricerca personale.